“Chiude gli occhi il Signore sui peccati”

Un vitreo occhio in un triangolo sopra la scritta: “L’occhio di Dio ti vede”. Questa “icona” veniva posta ovunque, anche nei luoghi più impensati, per terrorizzare chiunque fosse in tentazione di infrangere leggi e precetti del Signore. Ciò rispecchiava l’educazione morale che veniva impartita negli anni Cinquanta-Sessanta nei seminari e negli oratori dei paesi del Nord Italia; non so altrove…

A quei tempi, soprattutto i giovani venivano educati a seguire i comandamenti all’insegna dell’odioso “Tu devi!”. Non si parlava dell’incoraggiante “Tu puoi!”. E tutto veniva visto alla luce del peccato e non della grazia. Dell’inferno e non del paradiso. Del diavolo e non di Cristo.

Non si parlava di una morale basata sulla Parola e incentrata sulla bellezza di essere un’unica realtà con Cristo, per portare frutti d’amore, per la vita del mondo. No! C’era sempre quel vitreo occhio che tutto vede e tutto segna sul grande libro, per il giorno del giudizio: “Dies irae”.

L’ignoranza della Parola – che è ignoranza di Cristo stesso (cfr. San Girolamo) – ha fatto sì che l’evolvere dei tempi portasse i cattolici dal timore che tutto fosse peccato al relativismo (tanto deprecato da papa Benedetto XVI), che induce molti a credere che più nulla sia peccato.

Si è forse spento o chiuso quel famoso occhio di Dio? L’umanità ha perso il senso del peccato?

La morale cristiana, fondata sulla Bibbia, ha la forza di rinnovare questa vecchia umanità alla luce di tanti brani che parlano della misericordia del Signore. Tra i tanti, uno è particolarmente interessante: “Tutto il mondo davanti a te è come polvere sulla bilancia, come una stilla di rugiada mattutina caduta sulla terra. Hai compassione di tutti, perché tutto puoi, chiudi gli occhi sui peccati degli uomini, aspettando il loro pentimento. (Sapienza 11,22-23).

Quindi la Parola, lungi dal terrorizzaci con lo spietato motto: “L’occhio di Dio ti vede”, ci garantisce che Dio chiude entrambi gli occhi sul nostro peccato.

Infatti, “Buono è il Signore verso tutti, la sua tenerezza si espande su tutte le creature. Fedele è il Signore in tutte le sue parole e buono in tutte le sue opere” (Salmo 145, 9.13). Ama tutti e tutto quanto ha creato. Aspetta con pazienza che tutti si convertano.  Non va a cercare i perfetti, ma quei disgraziati che sono come Zaccheo: peccatori, piccoli di statura e piccoli dentro, ma pronti a nascondersi tra le foglie del sicomoro per vedere il Signore che passa. E Gesù, passando accanto ad essi, alza lo sguardo e incrocia i loro occhi, li invita a scendere dall’albero per cenare con loro.

Al Maestro non interessano le critiche: “Mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori” (Matteo 9,11). Non è vitreo il suo occhio, ma raggiante come quello dell’innamorato che contempla la sua amata. Ed è il suo sguardo misericordioso che suscita la conversione, genera al vero amore e crea il cuore nuovo: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto” (Luca 19,8).

E tutto ciò perché quell’occhio nel triangolo è sostituito dallo sguardo amoroso del Figlio di Dio che non ci domanda di essere santi per godere del suo amore, ma di lasciarci penetrare dal suo sguardo che brucia il nostro peccato, crea un cuore nuovo, rigenera alla speranza di veder nascere un’umanità ricreata dagli occhi misericordiosi del più bello dei figli dell’uomo: Cristo.

                                                                   Valentino Salvoldi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: